Proteggiamo i cani dai botti di Capodanno!

fuochi artificiali1cane10Si tratta del giorno forse più temuto dai nostri amici a 4 zampe, quantomeno per alcuni. Tra breve, molti si accingeranno a festeggiare la notte del 31 dicembre con i consueti e ormai scontati botti di capodanno e come ben sappiamo, il cane, essendo dotato di un udito estremamente sensibile, che gli consente di arrivare a percepire frequenze di addirittura 60.000 hertz contro i 15.000 cui arriva il nostro, potrebbe spaventarsi molto sentendo il rumore provocato dagli scoppi.  Alcuni potrebbero essere talmente disorientati da sentirsi spinti a scappare in qualunque modo possibile, arrivando persino a scavalcare balconi o finestre o rischiando di finire sulla strada investiti da qualche auto di passaggio.  Come possiamo proteggere i nostri animali da tutto ciò?

Ecco alcuni suggerimenti riportati già nel nostro post del 27.12.2008:

  • Se possibile, evitare di lasciare il cane da solo o in compagnia di estranei.
  • Chiudere finestre e tapparelle della stanza dove si trova.
  • Cercare di distrarlo con il gioco o altre cose.
  • Non impedirgli di andare a nascondersi dove vuole.
  • Non coccolarlo e non rassicurarlo (confermerebbe la sua paura).
  • Fare finta di niente, trattandolo in modo normale.
  • Nei casi più difficili, consultare il veterinario per la somministrazione di un eventuale leggero tranquillante (anche di natura omeopatica o fitoterapica)

L’Enpa consiglia inoltre:

Se qualcuno dovesse avvistare in un cane smarrito cerchi di avvicinarlo con attenzione, senza compiere gesti bruschi (potrebbe manifestare ancora paura), provi a rassicurarlo, magari offrendogli del cibo e chiami il Servizio Veterinario della Asl. Una volta raccolto e portato al canile sarà molto semplice risalire al proprietario tramite il microchip e, qualora non l’avesse, sarà comunque il luogo dove i proprietari potranno andare a riprenderlo.