fbpx
vita da cani info intestazione testata giornalistica interamente dedicata al cane

Uva al cane: sì o no?

L'incognita sulla tossicità dell'uva, e i sintomi in caso di ingestione
Uva al cane: sì o no?
Monika Wisniewska - stock.adobe.com

Uva al cane: sì o no? Settembre, mese di vendemmia, si appresta a portare sulle nostre tavole, un frutto davvero prelibato e gustoso: l’uva. Ricca di antiossidanti, vitamine e minerali, è un vero toccasana per il benessere generale delle persone. Ma le sue numerose proprietà benefiche sono salutari anche per i nostri amici a quattro zampe? Il cane può mangiare l’uva?

L’incognita sulla tossicità

Mentre l’uva e la sua equivalente essiccata, l’uvetta o uva passa, sono spesso considerate salutari per gli esseri umani, la situazione è completamente diversa quando si tratta dei nostri amici pelosi. Un fatto allarmante è che la tossicità dell’uva nei cani è ben documentata, ma non si conosce ancora la causa esatta. Esperti del settore hanno infatti avanzato diverse ipotesi riguardo all’origine dell’avvelenamento associato all’uva. Alcuni studiosi hanno indicato la possibilità che la contaminazione possa derivare dalla presenza di muffe, metalli pesanti o sostanze chimiche usate come pesticidi. Altri hanno avanzato l’idea che la causa potrebbe essere intrinseca all’uva stessa, magari correlata a livelli elevati di vitamina D o alla presenza di acido tartarico. Tuttavia, nessuna di queste teorie ha ricevuto a tutt’oggi una conferma definitiva.

Uva al cane: sì o no? Gli effetti tossici

L’ingestione di uva o uvetta può provocare una serie di sintomi spiacevoli nei cani, tra cui:

  • Vomito
  • Diarrea
  • Dolore addominale
  • Perdita di appetito
  • Letargia
  • Aumento della sete e della minzione

In casi più gravi, l’ingestione di uva potrebbe portare a insufficienza renale acuta, una condizione potenzialmente letale.

Leggi anche  Processionaria: tutti i consigli per proteggere il cane da un serio pericolo
Uva al cane: sì o no?
Image by KamranAydinov on Freepik

I tipi di uva pericolosi per il cane

I tipi di uva che sono considerati pericolosi per il cane includono:

Uva bianca. Questa è l’uva comune che troviamo nei supermercati ed è pericolosa per il cane.

Uva rossa. Anche l’uva rossa è dannosa per i cani e dovrebbe essere evitata.

Uva senza Semi. Le varietà di uva senza semi, come l’uva passa e il ribes, sono altrettanto pericolose. Queste uve hanno una concentrazione di sostanze tossiche più elevata perché l’essiccazione riduce drasticamente il loro contenuto d’acqua.

Prodotti a base d’uva. Oltre all’uva fresca, anche i prodotti a base d’uva come il vino e il succo d’uva sono considerati velenosi per il cane, in quanto possono contenere una concentrazione significativa di sostanze tossiche per la sua salute.

Cane: attenzione al cioccolato!

Prevenzione e precauzione

La tossicità dell’uva per il cane è ancora oggetto di ricerca e non è ancora del tutto compresa. Non si conosce con certezza il motivo per cui alcuni animali potrebbero reagire negativamente all’ingestione di uva, mentre altri potrebbero tollerarla senza troppi problemi e per questo motivo, quando si tratta di uva e uvetta, è meglio essere sempre molto prudenti.

La prevenzione resta fondamentale. Ecco alcune linee guida essenziali per proteggere il nostro cane:

  1. Evitiamo l’accesso all’uva e all’uvetta
    Manteniamo questi frutti fuori dalla portata del cane, assicurandoci che siano conservati in luoghi inaccessibili per evitare incidenti.
  2. Educhiamo i nostri familiari alla sicurezza alimentare
    Insegniamo ai membri della famiglia, in particolare ai bambini, a non offrire uva o uvetta ai cani e a non lasciarli gironzolare vicino a tali alimenti.
  3. Monitoriamo il comportamento del cane
    Nel caso sospettassimo che il cane abbia ingerito uva o uvetta, cerchiamo immediatamente assistenza veterinaria. Il riconoscimento precoce dei sintomi è cruciale per prevenire complicazioni.
Leggi anche  Piante natalizie pericolose per il cane: quali evitare

DISCLAIMER

Le informazioni esposte in vitadacani.info hanno uno scopo esclusivamente informativo, possono essere modificate oppure rimosse in qualsiasi momento, e, nel caso di informazioni di carattere veterinario o in ogni caso inerenti alla salute del cane, in nessun caso possono costituire e/o sostituire la formulazione di diagnosi e/o la prescrizione di trattamento medico veterinario. Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo andare a sostituire il rapporto diretto tra il veterinario e il padrone del cane o la visita veterinaria, anche specialistica. Si raccomanda di chiedere sempre il parere del proprio veterinario e/o quello dei medici veterinari specialisti in merito a qualsiasi indicazione riportata nel sito stesso. Per l’uso di medicinali o di qualsiasi prodotto o servizio indicati nel sito è assolutamente necessario e assolutamente indispensabile consultare il proprio veterinario. In nessun caso il sito, il Direttore, l’Editore che lo gestisce, gli autori degli articoli e/o dei contenuti, né altre soggetti in qualsiasi modo connessi al sito, saranno responsabili di qualsiasi eventuale danno anche solo ipoteticamente collegabile all’uso dei contenuti e/o di informazioni presenti sul sito. Il sito non si assume alcuna responsabilità in merito al cattivo uso che gli utenti o i visitatori del sito potrebbero fare delle indicazioni, dei prodotti, dei servizi riportati nel sito stesso. Non è in alcun modo possibile garantire l’assenza di errori e l’assoluta correttezza delle informazioni divulgate né che le informazioni o i dati risultino aggiornati. In qualità di affiliato Amazon, vitadacani.info può ricevere un modico compenso da Amazon, per gli eventuali acquisti idonei generati dai link presenti in questo articolo.

NEWS RECENTI

Torna in alto