venerdì, Dicembre 9, 2022
HomeNewsRandagi di Pompei in adozione

Randagi di Pompei in adozione

Cave_Canem[1]Plautus, Vesonius, Caio, Menade, Licinio, Odone, sono alcuni dei nomi degli ex cani randagi di Pompei che verranno dati in adozione in tutto il mondo. Grazie al Comissario Delegato Marcello Fiori è partita l’iniziativa (C)Ave Canem che punta alla tutela degli animali, rendendoli adottabili e alla sicurezza pubblica poichè per anni l’area archeologica di Pompei era diventata simbolo di degrado ed abbandono. La prima fase del progetto realizzato in collaborazione  con le associazioni animaliste Lav, Enpa, Lega nazionale per la difesa del cane e il ministero del Lavoro, Salute e politiche sociali, ha avuto inizio con l’iscrizione dei cani all’anagrafe canina. I cani sono stati curati, sterilizzati e dotati di microchip e collare con medaglietta di riconoscimento. ”Una iniziativa di legalita’ e di civilta’ – ha detto Fiori presentando il progetto nella casa del Poeta Tragico, quella del famoso mosaico del cane alla catena e della scritta ‘cave canem’ – il randagismo aveva dato di Pompei una immagine pessima, i cani non devono essere eliminati ma curati, non restare negli scavi per sempre. Il nostro obiettivo e’ infatti far trovare loro una famiglia”. Il sito www.canidipompei.com, rende adottabili i cani in tutto il mondo.

ti interesseranno anche...

ACCESSORI

ALTRE NEWS