fbpx

Incoronazione Re Carlo III: i cani della famiglia reale nell’abito di Camilla

Il particolare non è sfuggito agli osservatori più attenti
i cani della famiglia reale
Immagine Marco Traferri Editore AI generated
i cani della famiglia reale
Immagine Marco Traferri Editore AI generated

Incoronazione Re Carlo III: i cani della famiglia reale nell’abito di Camilla. La regina consorte Camilla, nota amante degli animali, ha voluto ricordare i suoi amici pelosi anche nel giorno dell’incoronazione del marito, il re Carlo III, indossando un abito speciale di color avorio, realizzato e disegnato dallo stilista Bruce Oldfield in cui erano ricamati due Jack Russell Terrier d’oro vicino al bordo.

Ma non sono stati dei cani qualunque a essere rappresentati sull’abito. Sembra infatti che la regina Camilla abbia voluto includere le sue due amate cagnoline, Beth e Bluebell, adottate nel 2017 presso il Battersea Dogs and Cats Home, uno dei più antichi e conosciuti rifugi di Londra.

https://youtu.be/z6LpkppoHmI

Attiva sostenitrice di organizzazioni che si occupano del benessere degli animali, la regina Camilla ha voluto dimostrare, con questo gesto, il suo amore e la sua gratitudine verso i suoi due adorati Jack Russell oltre a sensibilizzare l’opinione pubblica sulla questione del randagismo e della protezione degli animali, dimostrando il suo impegno e la sua passione per questa importante causa.

I cani della famiglia reale inglese: un po’ di storia

I cani hanno sempre avuto un ruolo importante nella vita della famiglia reale inglese. Nel corso dei secoli, sono stati compagni fedeli dei sovrani inglesi, diventando veri e propri membri della famiglia. Andiamoli a vedere alcuni insieme.

I cani della famiglia reale inglese

Re Giorgio VI

Il re Giorgio VI era un appassionato dei cani, e in particolare dei Labrador gialli. La sua passione per i cani, tuttavia, non si limitava ai Labrador, ma anche ad altre diverse razze tra cui i Welsh Corgi.

Leggi anche  Cane: i benefici sulla nostra salute

Il primo Corgi a entrare a far parte della famiglia reale fu Dookie, nel 1933, quando il re Giorgio VI era ancora duca di York. Di lì a poco fece seguito una femmina, sempre della stessa razza, di nome Jane.

La regina Maria di Teck, madre del re Giorgio VI, era molto affezionata a questa razza di cani e li allevava nella sua tenuta di campagna. Fu proprio lì che nel 1938, Jane ebbe due cuccioli, Crackers e Carol. Crackers divenne presto il cane preferito della regina madre e fu spesso visto al suo fianco durante le passeggiate nel parco.

Anche se i Labrador rimasero i cani preferiti del re Giorgio VI, i Corgi erano diventati parte integrante della famiglia reale e sarebbero diventati ancora più famosi sotto il regno della regina Elisabetta II.

Foto di Michel van der Vegt da Pixabay

Regina Elisabetta II

Uno dei primi cani della regina Elisabetta II fu una femmina Corgi di nome Susan, che la regina ricevette in dono per il suo 18° compleanno e che portò con se anche durante il suo viaggio di nozze nel 1947.

Da allora, molti altri cani sono entrati a far parte della famiglia reale, tra cui Willow, Holly, Muick e Sandy di razza Corgi e Vulcan e Candy di razza Dorgi (incrocio tra Bassotto e Welsh Corgi).

Principe William

William e Kate, rispettivamente principe e principessa del Galles hanno due Cocker Spaniel, Lupo e Tilly. Lupo è stato dato loro in regalo dalla sorella di Kate, mentre Tilly è stata adottata dal principe William quando era ancora un cucciolo. I due spaniel sono molto amati dalla coppia reale e fanno spesso compagnia ai loro figli, il principe George, la principessa Charlotte e il principe Louis.

Leggi anche  Cani socializzati? Vivono di più. I dati di uno studio americano.
Incoronazione Re Carlo III: i cani della famiglia reale nell'abito di Camilla
Foto di Ed White da Pixabay

DISCLAIMER

Le informazioni esposte in vitadacani.info hanno uno scopo esclusivamente informativo, possono essere modificate oppure rimosse in qualsiasi momento, e, nel caso di informazioni di carattere veterinario o in ogni caso inerenti alla salute del cane, in nessun caso possono costituire e/o sostituire la formulazione di diagnosi e/o la prescrizione di trattamento medico veterinario. Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo andare a sostituire il rapporto diretto tra il veterinario e il padrone del cane o la visita veterinaria, anche specialistica. Si raccomanda di chiedere sempre il parere del proprio veterinario e/o quello dei medici veterinari specialisti in merito a qualsiasi indicazione riportata nel sito stesso. Per l’uso di medicinali o di qualsiasi prodotto o servizio indicati nel sito è assolutamente necessario e assolutamente indispensabile consultare il proprio veterinario. In nessun caso il sito, il Direttore, l’Editore che lo gestisce, gli autori degli articoli e/o dei contenuti, né altre soggetti in qualsiasi modo connessi al sito, saranno responsabili di qualsiasi eventuale danno anche solo ipoteticamente collegabile all’uso dei contenuti e/o di informazioni presenti sul sito. Il sito non si assume alcuna responsabilità in merito al cattivo uso che gli utenti o i visitatori del sito potrebbero fare delle indicazioni, dei prodotti, dei servizi riportati nel sito stesso. Non è in alcun modo possibile garantire l’assenza di errori e l’assoluta correttezza delle informazioni divulgate né che le informazioni o i dati risultino aggiornati. In qualità di affiliato Amazon, vitadacani.info può ricevere un modico compenso da Amazon, per gli eventuali acquisti idonei generati dai link presenti in questo articolo.

NEWS RECENTI

Torna in alto