Vita Da Cani Magazine
mercoledì, Febbraio 1, 2023
HomeCani e LeggeSpese veterinarie: come detrarle

Spese veterinarie: come detrarle

Spese veterinarie: come detrarle. Una possibilità prevista dalla legge italiana per i proprietari di animali domestici

Spese veterinarie: come detrarle. La detrazione delle spese veterinarie per il proprio cane è una possibilità prevista dalla legge italiana per i proprietari di animali domestici. Si tratta di un’agevolazione fiscale che permette di dedurre dalle tasse una parte delle spese sostenute per la cura e la tutela della salute del proprio animale. Quali sono le spese veterinarie detraibili? Quale importo si può detrarre? Come poter usufruire della detrazione?

Spese veterinarie detraibili

Le spese veterinarie che si possono portare in detrazione sono:

  • Le prestazioni professionali rese dal veterinario
  • L’acquisto di medicinali veterinari prescritti dal veterinario
  • Le analisi di laboratorio e interventi presso le cliniche veterinarie

Non sono invece detraibili le spese per il cibo e gli altri prodotti per animali.

Il calcolo della detrazione

La detrazione delle spese veterinarie per il cane è stabilita nella misura del 19% con un limite massimo di 550,00 euro e una franchigia, che rimane a carico del contribuente, di 129,11 euro. Per riepilogare:

  • Spesa inferiore a 129,11 euro: non si ha diritto alla detrazione
  • Spesa superiore a 129,11 euro ma inferiore al limite di 550 euro: la detrazione al 19% deve essere calcolata sulla quota che eccede la franchigia
  • Infine, qualora la spesa supera i 550 euro: può essere richiesta la detrazione massima di 80 euro

Il limite di spesa è riferito all’ammontare complessivo delle spese sostenute dal soggetto che intende usufruire della detrazione, indipendentemente dal numero di animali posseduti (Circolare n.55/E/2001). Il diritto alla detrazione è riconosciuto al soggetto che ha sostenuto la spesa anche se non è il proprietario del cane (Circolare n.7/E/2017)

Spese sostenute per i cani guida

Per le spese dovute al mantenimento dei cani guida, è possibile usufruire di una detrazione forfettaria di 1.000 euro. Dall’anno d’imposta 2020 tale detrazione è correlata all’importo del reddito complessivo e spetta esclusivamente alla persona non vedente.

Spese veterinarie: come detrarle
Immagine di gpointstudio su Freepik

Spese veterinarie: modalità per usufruire della detrazione

Per poter usufruire della detrazione, è necessario che le spese siano state sostenute nell’anno d’imposta in cui si richiede la detrazione e che siano state pagate tramite bonifico o carta di credito/debito, in modo da poter essere documentate attraverso una ricevuta o una fattura. È inoltre necessario che il cane sia registrato all’Anagrafe degli Animali d’Affezione e che sia in possesso del libretto sanitario.

Per richiedere la detrazione delle spese veterinarie per il proprio cane, è necessario compilare il modello 730 o il modello Unico e allegare la documentazione comprovante le spese sostenute. La documentazione da conservare per richiedere la detrazione è la seguente:

  • Certificato di iscrizione all’Anagrafe degli Animali d’Affezione
  • Fattura intestata al soggetto che ha sostenuto la spesa o lo scontrino con l’indicazione del codice fiscale del soggetto che ha sostenuto la spesa, la natura, la qualità e la quantità dei medicinali acquistati

In conclusione, la detrazione delle spese veterinarie per il proprio cane rappresenta un’opportunità per i proprietari di animali domestici di poter dedurre dalle tasse una parte delle spese sostenute per la cura e la tutela della salute del proprio animale. Si tratta di un’agevolazione fiscale che può risultare molto utile per chi ha un cane e desidera prendersene cura al meglio, senza dover affrontare costi troppo onerosi.

Disclaimer

Le informazioni esposte in vitadacani.info hanno uno scopo esclusivamente informativo, possono essere modificate oppure rimosse in qualsiasi momento, e, nel caso di informazioni di carattere veterinario o in ogni caso inerenti alla salute del cane, in nessun caso possono costituire e/o sostituire la formulazione di diagnosi e/o la prescrizione di trattamento medico veterinario. Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo andare a sostituire il rapporto diretto tra il veterinario e il padrone del cane o la visita veterinaria, anche specialistica. Si raccomanda di chiedere sempre il parere del proprio veterinario e/o quello dei medici veterinari specialisti in merito a qualsiasi indicazione riportata nel sito stesso. Per l’uso di medicinali o di qualsiasi prodotto o servizio indicati nel sito è assolutamente necessario e assolutamente indispensabile consultare il proprio veterinario. In nessun caso il sito, il Direttore, l’Editore che lo gestisce, gli autori degli articoli e/o dei contenuti, né altre soggetti in qualsiasi modo connessi al sito, saranno responsabili di qualsiasi eventuale danno anche solo ipoteticamente collegabile all’uso dei contenuti e/o di informazioni presenti sul sito. Il sito non si assume alcuna responsabilità in merito al cattivo uso che gli utenti o i visitatori del sito potrebbero fare delle indicazioni, dei prodotti, dei servizi riportati nel sito stesso. Non è in alcun modo possibile garantire l’assenza di errori e l’assoluta correttezza delle informazioni divulgate né che le informazioni o i dati risultino aggiornati. In qualità di affiliato Amazon, vitadacani.info può ricevere un modico compenso da Amazon, per gli eventuali acquisti idonei generati dai link presenti in questo articolo.

ti interesseranno anche...

ACCESSORI

ALTRE NEWS