fbpx
vita da cani info intestazione testata giornalistica interamente dedicata al cane

Test MDR1: il test genetico che può salvare la vita al tuo cane

Perché è importante? E quali cani dovremmo sottoporre al test MDR1?
test mdr1 cane
Kalim - adobestock.com

Test MDR1: il test genetico che può salvare la vita al tuo cane. La salute e il benessere dei nostri amici a quattro zampe dipendono, in una certa misura, dalla nostra capacità di fornire loro cure sicure ed efficaci quando ne hanno bisogno. Consapevolezza e prevenzione sono infatti le chiavi per cercare di garantire al nostro amico cane una vita lunga e il più sana possibile. Uno degli aspetti fondamentali che sarebbe bene valutare e tenere sotto controllo è sicuramente la reattività del nostro amico a quattro zampe ai farmaci. Come possiamo farlo? Attraverso uno specifico test genetico: il test del MDR1 (Multi Drug Reactivity 1). Attraverso questo test infatti è possibile capire se il cane potrebbe manifestare sintomi avversi alla somministrazione di alcune sostanze e a quella di farmaci specifici. Di cosa si tratta? Perché il test del MDR1 è cosìimportante? Chi dovrebbe sottoporre il proprio cane al test MDR1? Scopriamolo insieme.

MDR1: cos’è e perché è importante?

MDR1, noto anche come ABCB1 (ATP-Binding Cassette Sub-Family B Member 1), è un gene che in condizioni di normalità codifica una proteina chiamata P-glicoproteina. Questa proteina, legandosi a specifiche sostanze, le va a eliminare, in particolar modo a livello del sistema nervoso centrale. Al momento si conoscono circa 20 principi farmacologicamente attivi che sono in grado di legarsi a tale proteina. Tra questi troviamo gli antibiotici e anche alcuni anestetici. Se il gene MDR1 subisce una mutazione, la proteina P-glicoproteina non riesce più a svolgere come si deve la propria funzione. Ciò può dunque portare a un accumulo di queste sostanze nelle cellule del sistema nervoso centrale, con effetti tossici dal punto di vista neurologico. Questo può essere particolarmente rilevante per il cervello del cane stesso, dove l’accumulo delle sostanze tossiche può raggiungere concentrazioni potenzialmente pericolose e portare a una serie di effetti avversi che possono variare a seconda del farmaco coinvolto e della sensibilità individuale del nostro cane.

Leggi anche  Test genetici Border Collie: quali sono e a cosa servono?

Necessità di dosi adeguate. Nel caso di mutazione MDR1, è dunque spesso necessario adattare le dosi dei farmaci o utilizzare alternative che non siano substrati della P-glicoproteina così da garantire al nostro cane un trattamento farmacologico sicuro e adatto a lui.

Test MDR1: perché farlo?

Il test dell’MDR1 (Multi Drug Reactivity 1) è un esame genetico che serve a identificare la presenza di una mutazione specifica nel gene MDR1. È uno strumento importante per la sicurezza, la salute e il benessere dei nostri cani in quanto, se soggetti a tale mutazione, potrebbero, come dicevamo, risultare sensibili a una serie di sostanze presenti in alcuni farmaci specifici, come gli antidiarroici, i chemioterapici, gli anestetici, gli antibiotici e anche i comuni e diffusissimi antiparassitari, con conseguenti effetti collaterali più o meno gravi che potrebbero portare il nostro amato amico a quattro zampe persino alla morte.

Test MDR1: quali cani dovrebbero farlo?

Il test per l’MDR1 è particolarmente importante per alcune razze canine, poiché la mutazione è più comune in determinate linee genetiche. Vediamo insieme quali sono alcune delle razze più soggette alla mutazione del gene MDR1

Collie (compresi il Collie a pelo lungo e corto e il Border Collie)

Il Collie, compresi il Collie a pelo lungo e il Border Collie, risulta tra le razze più suscettibili alla mutazione MDR1. La frequenza di portatori di questa mutazione è particolarmente alta tra i Collie.

Border Collie: cane intelligente, tenace e grande lavoratore

Cani da Pastore Scozzese Shetland

Anche gli Shetland sono noti per essere altamente predisposti alla mutazione del gene MDR1.

Australian Shepherd (Pastore Australiano)

L’Australian Shepherd, conosciuto anche col nome di Pastore Australiano, una razza spesso associata ai Collie, condivide una simile predisposizione alla mutazione del gene MDR1.

L’Australian Shepherd: cane forte, intelligente, affettuoso

Old English Sheepdog (Bobtail)

Anche se meno comune rispetto alle razze sopra menzionate, l’Old English Sheepdog -detto anche Bobtail- può essere portatore della mutazione.

Altre razze incrociate con razze predisposte

Poiché la mutazione del gene MDR1 è ereditaria, anche i cani incrociati con razze predisposte, compresi i cani meticci, possono risultare portatori della mutazione stessa. Oltre a questi, sembra ci sia una correlazione tra la mutazione del gene e la manifestazione della malattia anche nelle seguenti razze: Pastore Tedesco, Whippet a pelo lungo, Silken Windhound (una razza americana di levriero), Pastore Svizzero bianco e altri.

Leggi anche  I cani possono mangiare mandarini?

È interessante notare che negli Stati Uniti e in Germania si è stabilito che, prima di qualsiasi trattamento farmacologico potenzialmente neurotossico, è necessario sottoporre al test MDR1 le razze più predisposte alla mutazione.

Test MDR1: i risultati

I risultati del test MDR1 (Multi Drug Reactivity 1) possono essere divisi in tre categorie principali. Andiamole a conoscere.

Normale (N/N)

Se il cane risulta avere due copie normali del gene MDR1 (N/N), il risultato restituito dal test sarà normale” o negativo per la mutazione MDR1. In questo caso, il cane non è portatore della mutazione MDR1 ed è considerato normale dal punto di vista genetico rispetto a questa mutazione. Questi cani non dovrebbero avere problemi di reattività ai farmaci legati alla mutazione MDR1.

Portatore (N/MDR1)

Se il cane risulterà avere una copia normale e una copia mutata del gene MDR1 (N/MDR1), sarà considerato un portatore della mutazione MDR1. Questi cani non mostreranno sintomi di reattività ai farmaci legati alla mutazione MDR1, ma potrebbero trasmettere la mutazione alla prole se accoppiati con un altro cane portatore o affetto.

Affetto (MDR1/MDR1)

Se il cane risulterà avere due copie mutuate del gene MDR1 (MDR1/MDR1), allora sarà considerato affetto dalla mutazione MDR1. Questi cani sono a rischio di reazioni avverse ai farmaci che sono substrati della P-glicoproteina, come convulsioni, letargia, o altri sintomi legati alla tossicità dei farmaci. È fondamentale evitare l’uso di farmaci inappropriati e lavorare in stretta collaborazione con il veterinario per la gestione della loro salute.

Test MDR1: il test genetico che può salvare la vita al tuo cane

La conoscenza del risultato del test MDR1 è dunque un aspetto cruciale, sopratutto per alcune specifiche razze, al fine di garantire la sicurezza e l’efficacia dei trattamenti farmacologici cui il cane, nel corso della sua vita, dovrà sottoporsi. Per qualsiasi informazione relativa al test MDR1 è ovviamente necessario, come per qualsiasi altro aspetto inerente alla salute del nostro cane, consultare sempre il proprio medico veterinario.

DISCLAIMER

Le informazioni esposte in vitadacani.info hanno uno scopo esclusivamente informativo, possono essere modificate oppure rimosse in qualsiasi momento, e, nel caso di informazioni di carattere veterinario o in ogni caso inerenti alla salute del cane, in nessun caso possono costituire e/o sostituire la formulazione di diagnosi e/o la prescrizione di trattamento medico veterinario. Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo andare a sostituire il rapporto diretto tra il veterinario e il padrone del cane o la visita veterinaria, anche specialistica. Si raccomanda di chiedere sempre il parere del proprio veterinario e/o quello dei medici veterinari specialisti in merito a qualsiasi indicazione riportata nel sito stesso. Per l’uso di medicinali o di qualsiasi prodotto o servizio indicati nel sito è assolutamente necessario e assolutamente indispensabile consultare il proprio veterinario. In nessun caso il sito, il Direttore, l’Editore che lo gestisce, gli autori degli articoli e/o dei contenuti, né altre soggetti in qualsiasi modo connessi al sito, saranno responsabili di qualsiasi eventuale danno anche solo ipoteticamente collegabile all’uso dei contenuti e/o di informazioni presenti sul sito. Il sito non si assume alcuna responsabilità in merito al cattivo uso che gli utenti o i visitatori del sito potrebbero fare delle indicazioni, dei prodotti, dei servizi riportati nel sito stesso. Non è in alcun modo possibile garantire l’assenza di errori e l’assoluta correttezza delle informazioni divulgate né che le informazioni o i dati risultino aggiornati. In qualità di affiliato Amazon, vitadacani.info può ricevere un modico compenso da Amazon, per gli eventuali acquisti idonei generati dai link presenti in questo articolo.

NEWS RECENTI

Torna in alto