Vita Da Cani Magazine
mercoledì, Febbraio 1, 2023
HomeSalute del CaneEpilessia nel cane

Epilessia nel cane

Una condizione neurologica che causa crisi convulsive

Epilessia nel cane. L’epilessia nel cane è una condizione neurologica che causa crisi convulsive. Le crisi convulsive possono variare in intensità e frequenza e possono essere ereditarie o acquisite. Nel caso di cause ereditarie, la predisposizione all’epilessia è presente sin dalla nascita e può essere legata a specifiche razze di cani. Le cause acquisite dell’epilessia possono invece essere dovute a traumi cerebrali, infezioni, tumori cerebrali o malattie metaboliche. Ci sono delle razze canine che possono risultare più predisposte all’epilessia rispetto ad altre? Quanto può durare un attacco epilettico? Quali sono i sintomi? Soprattutto, cosa possiamo fare in caso di attacco epilettico nel nostro cane?

Epilessia nel cane: le razze predisposte

Ci sono alcune razze che sembrano avere una maggiore predisposizione alla forma ereditaria dell’epilessia, ma non è detto che tutti i cani appartenenti a tali razze, necessariamente la sviluppino. Tra queste:

  • Beagle
  • Bernese Mountain Dog
  • Border Collie
  • Boxer
  • Cocker Spaniel
  • Collie
  • Dachshund
  • Golden Retriever
  • Labrador Retriever
  • Poodle
  • Saint Bernard
  • Shar Pei
  • Springer Spaniel
  • Vizsla
  • Weimaraner
Epilessia nel cane
Foto di J C da Pixabay

Epilessia nel cane: la durata di un attacco epilettico

La durata di un attacco epilettico nel cane può variare a seconda della causa dell’epilessia e della gravità dei sintomi. In generale, gli attacchi epilettici possono durare da pochi secondi a diversi minuti. Un attacco può avere due fasi: la fase tonica e la fase clonica.

La fase tonica è caratterizzata da un’attivazione generale e violenta del sistema nervoso centrale. Durante questa fase, i muscoli del cane si contraggono e si rilasciano bruscamente, causando movimenti scoordinati e spesso violenti. La durata di questa fase può variare dai pochi secondi ai pochi minuti.

La fase clonica è caratterizzata da movimenti ritmici e ripetitivi, come ad esempio le contrazioni muscolari e la perdita di coscienza. Questa fase può durare per pochi minuti, fino a un massimo di 30 minuti.

I sintomi dell’epilessia

I sintomi dell’epilessia nel cane possono variare a seconda della causa e della gravità della condizione. Tuttavia, alcuni dei sintomi più comuni associati all’epilessia nel cane includono:

  • Crisi convulsive: durante una crisi convulsiva, il cane può perdere coscienza e presentare contrazioni muscolari, incontinenza e alterazioni del comportamento. In alcuni casi, la crisi convulsiva può essere accompagnata da vocalizzazioni e movimenti involontari degli occhi.
  • Aura: in alcuni casi, il cane può avere un’aura, ossia una sensazione di malessere o stranezza che precede la crisi convulsiva.
  • Perdita di coscienza: il cane può perdere conoscenza per un periodo di tempo durante una crisi convulsiva.
  • Comportamento anomalo: il cane può presentare comportamenti anomali come agitazione, confusione, euforia, depressione, ansia, o non rispondere alle sollecitazioni.
  • Incontinenza: il cane può avere difficoltà a controllare la minzione o le feci durante una crisi convulsiva.
  • Episodi di sonnolenza o stanchezza dopo un attacco

E’ importante sottolineare che alcuni di questi sintomi possono essere confusi con altre patologie e che è quindi importante consultare sempre un veterinario per una valutazione precisa

Epilessia nel cane: cosa fare

In caso di attacco epilettico è importante rimanere calmo e agire in modo rapido e appropriato per garantire la sicurezza del cane. Ecco alcune cose che si possono fare in caso di attacco epilettico:

  • Rimuovere oggetti che potrebbero causare danni al cane durante l’attacco, come ad esempio mobili o scale.
  • Non cercare di aprire la bocca del cane o di rimuovere la lingua. Questo potrebbe causare danni al cane o a chi tenta di aiutare.
  • Non mettere nulla nella bocca del cane. Non cercare di fargli bere o mangiare nulla durante l’attacco.
  • Non tentare di fermare le convulsioni fisicamente, in quanto questo potrebbe causare danni al cane o a chi tenta di aiutare.
  • Tenere un orologio o un cronometro a portata di mano per tenere traccia della durata dell’attacco.
  • Rimanere accanto al cane e parlare con lui con voce calma per rassicurarlo.
  • Chiamare il veterinario non appena l’attacco è finito, specialmente se è la prima volta o se si nota un peggioramento nella frequenza o nell’intensità degli attacchi.

In caso di epilessia cronica, il veterinario potrebbe anche raccomandare di avere sempre a portata di mano un farmaco anti-convulsivo per poterlo somministrare al cane durante l’attacco. Seguire scrupolosamente le sue istruzioni riguardo a come e quando somministrare questi farmaci.

E’ importante sottolineare come una diagnosi tempestiva e precisa sia fondamentale affinché la terapia sia mirata e personalizzata. Questo potrebbe richiedere la valutazione da parte di un medico veterinario specialista in neurologia o un esame EEG.

In generale, la prognosi per i cani con epilessia dipenderà dalla causa della condizione e dalla gravità dei sintomi. Con un adeguato trattamento, molti cani con epilessia potranno vivere una vita normale e, relativamente, senza troppi problemi. 

Disclaimer

Le informazioni esposte in vitadacani.info hanno uno scopo esclusivamente informativo, possono essere modificate oppure rimosse in qualsiasi momento, e, nel caso di informazioni di carattere veterinario o in ogni caso inerenti alla salute del cane, in nessun caso possono costituire e/o sostituire la formulazione di diagnosi e/o la prescrizione di trattamento medico veterinario. Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo andare a sostituire il rapporto diretto tra il veterinario e il padrone del cane o la visita veterinaria, anche specialistica. Si raccomanda di chiedere sempre il parere del proprio veterinario e/o quello dei medici veterinari specialisti in merito a qualsiasi indicazione riportata nel sito stesso. Per l’uso di medicinali o di qualsiasi prodotto o servizio indicati nel sito è assolutamente necessario e assolutamente indispensabile consultare il proprio veterinario. In nessun caso il sito, il Direttore, l’Editore che lo gestisce, gli autori degli articoli e/o dei contenuti, né altre soggetti in qualsiasi modo connessi al sito, saranno responsabili di qualsiasi eventuale danno anche solo ipoteticamente collegabile all’uso dei contenuti e/o di informazioni presenti sul sito. Il sito non si assume alcuna responsabilità in merito al cattivo uso che gli utenti o i visitatori del sito potrebbero fare delle indicazioni, dei prodotti, dei servizi riportati nel sito stesso. Non è in alcun modo possibile garantire l’assenza di errori e l’assoluta correttezza delle informazioni divulgate né che le informazioni o i dati risultino aggiornati. In qualità di affiliato Amazon, vitadacani.info può ricevere un modico compenso da Amazon, per gli eventuali acquisti idonei generati dai link presenti in questo articolo.

ti interesseranno anche...

ACCESSORI

ALTRE NEWS