fbpx

Cani randagi in Turchia: rischio soppressione?

Fa discutere l'ipotesi di sopprimere i cani randagi che non troveranno adozione
istanbul
Istanbul - Immagine seqoya stock.adobe.com
istanbul
Istanbul - Immagine seqoya stock.adobe.com

Cani randagi in Turchia: rischio soppressione? In Turchia, a Istanbul, ci si confronta da sempre con un problema insolito: la notevole popolazione di cani randagi. La presenza dei cani nella capitale turca è così diffusa da costituire a tutti gli effetti una parte integrante del paesaggio urbano. La loro gestione è da tempo immemore oggetto di dibattito.

Cani randagi in Turchia: rischio soppressione? Il Piano di Erdoğan

A questo proposito il partito di Recep Tayyip Erdoğan, l’AKP, sembrerebbe stia elaborando una legge per ridurre il numero di cani randagi, stimati in oltre 4 milioni. La proposta, che non è ancora stata presentata ufficialmente, prevederebbe l’eliminazione dei cani non adottati entro un determinato periodo di tempo. Erdoğan ha dichiarato che il problema dei cani randagi è unico per la Turchia rispetto agli altri Paesi. Il piano includerebbe la cattura, la sterilizzazione e l’adozione dei cani, con la possibilità -tuttavia- di soppressione per i cani non adottati entro 30 giorni. La soppressione avverrebbe tramite iniezione letale.

cani randagi in turchia rischio soppressione?
Cane randagio per le strade di Istanbul, Turchia. Di Dmitriy – stock.adobe.com

Cani randagi in Turchia: rischio soppressione? Le motivazioni

A sostegno della loro proposta, le autorità indicano i rischi sanitari che potrebbero derivare dalla presenza incontrollata dei cani nella capitale, come per esempio la rabbia; ma anche i pericoli per la sicurezza stradale. Sembrano infatti piuttosto frequenti episodi che, nel traffico, vedono coinvolti cani randagi. Le statistiche degli ultimi cinque anni parlano di ben 3.500 incidenti stradali causati da animali. Nello stesso tempo, in tema di malattie, il  Centers for Disease Control and Prevention degli Stati Uniti ha classificato la Turchia come paese ad alto rischio per la rabbia.

Leggi anche  Rapporto Assalco Zoomark 2024: tutti i dati sulla presenza dei cani in Italia

Cani randagi in Turchia: rischio soppressione? Le reazioni dell’opinione pubblica

La proposta ha ovviamente suscitato forti reazioni. Un sondaggio dell’istituto Metropoll ha rilevato che l’80% degli intervistati è favorevole alla rimozione dei cani dalle strade, ma meno del 3% appoggia la loro eliminazione fisica. Una legge del 2004 garantisce agli animali randagi il diritto di vivere lungo le strade. Questo principio appare però in netto contrasto con la nuova proposta, e ciò provoca dunque dissenso da parte sia dei cittadini che dei politici dell’opposizione.

Il futuro dei cani randagi a Istanbul appare dunque molto incerto. Nel mentre il dibattito continua a riflettere le complesse dinamiche tra modernizzazione e tradizione in questa storica città dove la presenza dei cani lungo le strade è una d

DISCLAIMER

Le informazioni esposte in vitadacani.info hanno uno scopo esclusivamente informativo, possono essere modificate oppure rimosse in qualsiasi momento, e, nel caso di informazioni di carattere veterinario o in ogni caso inerenti alla salute del cane, in nessun caso possono costituire e/o sostituire la formulazione di diagnosi e/o la prescrizione di trattamento medico veterinario. Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo andare a sostituire il rapporto diretto tra il veterinario e il padrone del cane o la visita veterinaria, anche specialistica. Si raccomanda di chiedere sempre il parere del proprio veterinario e/o quello dei medici veterinari specialisti in merito a qualsiasi indicazione riportata nel sito stesso. Per l’uso di medicinali o di qualsiasi prodotto o servizio indicati nel sito è assolutamente necessario e assolutamente indispensabile consultare il proprio veterinario. In nessun caso il sito, il Direttore, l’Editore che lo gestisce, gli autori degli articoli e/o dei contenuti, né altre soggetti in qualsiasi modo connessi al sito, saranno responsabili di qualsiasi eventuale danno anche solo ipoteticamente collegabile all’uso dei contenuti e/o di informazioni presenti sul sito. Il sito non si assume alcuna responsabilità in merito al cattivo uso che gli utenti o i visitatori del sito potrebbero fare delle indicazioni, dei prodotti, dei servizi riportati nel sito stesso. Non è in alcun modo possibile garantire l’assenza di errori e l’assoluta correttezza delle informazioni divulgate né che le informazioni o i dati risultino aggiornati. In qualità di affiliato Amazon, vitadacani.info può ricevere un modico compenso da Amazon, per gli eventuali acquisti idonei generati dai link presenti in questo articolo.

Torna in alto