fbpx

Cani che fiutano il Parkinson: i sorprendenti dati di uno studio

Lo studio pubblicato su biorxiv ha restituito risultati sorprendenti
Cani che fiutano il parkinson
Immagine @vitadacani.info
Cani che fiutano il parkinson
Immagine @vitadacani.info

Cani che fiutano il Parkinson: i sorprendenti dati di uno studio. Un studio condotto di recente ha restituito risultati sorprendenti in relazione alla diagnosi precoce della malattia di Parkinson, grazie al sensazionale fiuto dei cani. Lisa Holt e Samuel Johnston, membri dell’organizzazione PADs for Parkinson’s, hanno infatti  condiviso su bioRxiv i risultati di ua ricerca che evidenzia la straordinaria precisione con cui cani addestrati hanno riconosciuto i composti volatili legati alla malattia, raggiungendo un sorprendente 90% di accuratezza. Le persone affette da Parkinson producono infatti nel loro sebo una vasta gamma di sostanze chimiche uniche che l’eccezionale fiuto dei cani parrebbe in grado di intercettare. La malattia di Parkinson, ancora oggi oggetto di diagnosi a volte non troppo precise, ha spinto la comunità scientifica a esplorare le potenzialità di queste sostanze chimiche per migliorare la precisione della diagnosi. Studi precedenti hanno già evidenziato la straordinaria capacità dei cani, con il loro olfatto eccezionalmente sviluppato, di rilevare composti organici volatili associati a varie patologie, tra cui tumori, diabete, malaria e anche il Covid-19.

Cani che fiutano il Parkinson: lo studio

Il team di Holt e Johnston stavolta è andato oltre e ha coinvolto 23 cani di 16 diverse razze, tra cui Golden Retriever, cani da pastore, Pomerania e Mastini Inglesi, per valutare la loro abilità nel riconoscere la malattia di Parkinson. Attraverso il prelievo di campioni di sebo da 43 pazienti con Parkinson e 31 individui sani, i cani sono stati sottoposti a un intenso programma di addestramento durato otto mesi. Durante questa fase, i cani hanno appreso a segnalare la presenza della malattia attraverso comportamenti specifici come sedersi, abbaiare o alzare una zampa, associando ogni campione proveniente da pazienti con Parkinson a una ricompensa, come cibo o giocattoli. Dopo l’addestramento, i cani sono stati esposti a campioni di sebo mai incontrati prima.

Leggi anche  Perché il mio cane scava? Cause e rimedi

Il risultato ha sorpreso gli stessi ricercatori: i cani hanno identificato con una precisione media dell’86% i campioni provenienti da pazienti con la malattia di Parkinson e, inoltre, hanno ignorato nell’89% dei casi i campioni provenienti dai volontari sani. Lisa Holt ha evidenziato che questo studio apre la strada a ulteriori indagini sulla capacità dei cani di individuare il Parkinson in una fase molto precoce, prima che si manifesti l’intera gamma di sintomi.

Cani addestrati a fiutare il tumore: lo dimostra uno studio

In sintesi, questo studio non solo conferma l’esistenza di composti organici volatili nel sebo dei pazienti con Parkinson ma dimostra anche che l’addestramento dei cani può avere successo coinvolgendo una vasta gamma di razze. Nicola Rooney, ricercatore dell’Università di Bristol, ha sottolineato la robustezza dell’approccio con coinvolgimento di diverse razze, differenziandosi da molti studi limitati a poche tipologie di cani che fiutano il Parkinson.

In conclusione, l’utilizzo del fiuto canino per la diagnosi della malattia di Parkinson potrebbe rappresentare una svolta significativa, in grado di offrire un metodo rapido, economico e non invasivo per individuare precocemente la patologia, permettendo ai pazienti di accedere tempestivamente ai trattamenti necessari.

DISCLAIMER

Le informazioni esposte in vitadacani.info hanno uno scopo esclusivamente informativo, possono essere modificate oppure rimosse in qualsiasi momento, e, nel caso di informazioni di carattere veterinario o in ogni caso inerenti alla salute del cane, in nessun caso possono costituire e/o sostituire la formulazione di diagnosi e/o la prescrizione di trattamento medico veterinario. Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo andare a sostituire il rapporto diretto tra il veterinario e il padrone del cane o la visita veterinaria, anche specialistica. Si raccomanda di chiedere sempre il parere del proprio veterinario e/o quello dei medici veterinari specialisti in merito a qualsiasi indicazione riportata nel sito stesso. Per l’uso di medicinali o di qualsiasi prodotto o servizio indicati nel sito è assolutamente necessario e assolutamente indispensabile consultare il proprio veterinario. In nessun caso il sito, il Direttore, l’Editore che lo gestisce, gli autori degli articoli e/o dei contenuti, né altre soggetti in qualsiasi modo connessi al sito, saranno responsabili di qualsiasi eventuale danno anche solo ipoteticamente collegabile all’uso dei contenuti e/o di informazioni presenti sul sito. Il sito non si assume alcuna responsabilità in merito al cattivo uso che gli utenti o i visitatori del sito potrebbero fare delle indicazioni, dei prodotti, dei servizi riportati nel sito stesso. Non è in alcun modo possibile garantire l’assenza di errori e l’assoluta correttezza delle informazioni divulgate né che le informazioni o i dati risultino aggiornati. In qualità di affiliato Amazon, vitadacani.info può ricevere un modico compenso da Amazon, per gli eventuali acquisti idonei generati dai link presenti in questo articolo.

NEWS RECENTI

Torna in alto