fbpx

Rieducare il cane al riposo: i suggerimenti di Aldo La Spina

Rieducare il cane al riposo: i suggerimenti di Aldo La Spina. Se allontanato troppo presto dalla madre e dai fratelli, il cane da compagnia potrebbe avere problemi a inserirsi nei ritmi che impone l’uomo. Ecco cosa fare con i consigli di Aldo La Spina, presidente e fondatore del Centro Cinofilo Europeo e autore del libro Manuale di rieducazione comportamentale cinofila (Edizioni LSWR). Come il gioco, anche il dormire per il cane è una delle attività primarie di sopravvivenza. Nei primi mesi di vita il cucciolo è legato ai ritmi delle interazioni con la madre e con i fratellini, e il sonno è fra i bisogni fisiologici che si modellano naturalmente su queste condizioni primarie. Questo purtroppo quasi sempre non prosegue quando il cucciolo arriva nel gruppo-famiglia umano. Nel nuovo contesto in cui si ritrova non ha spazi e oggetti suoi: dobbiamo darglieli noi ma spesso non sappiamo come fare. Altro errore che spesso commettiamo è ritenere che il cane debba adeguarsi ai nostri ritmi e stili di vita, che possa dormire come noi, negli stessi orari, insomma quando è utile a noi. “Appena ci svegliamo lo portiamo fuori frettolosamente e poi lo si lascia in casa a dormire, perché giustamente dobbiamo andare a lavorare. Nessuna sorpresa poi se il cane si annoia o diventa irrequieto” spiega Aldo La Spina nel suo nuovo libro “Manuale di rieducazione comportamentale cinofila” (Edizioni LSWR). “Si rientra per pranzo, lo si porta fuori e dopo lo si lascia ancora a casa a dormire! Si rientra la sera e dopo averlo portato fuori, e avergli dato da mangiare per cena, si pretende che stia subito calmo e vada a dormire, quando invece è tutto eccitato perché finalmente abbiamo fatto qualcosa con lui.”

Rieducare il cane al riposo: regolamentare il dormire

“Anche se sembra contraddittorio con quanto detto sopra, paradossalmente bisogna dare al cane disturbato delle regole certe per il dormire” continua La Spina. Per rieducare il cane al riposo occorre partire dalla cuccia e distinguerne tre. “È importante che la “cuccia” non sia unica, ma progettata per le diverse scansioni della giornata con le relative necessità, e che sia fatta dunque di materiali diversi e di diverse dimensioni:

  • Fissa per la notte (letto): è di grandi dimensioni, fatta di un materasso o di vasca di plastica con cuscino, o di un cuscinone;
  • Trasportabile per il giorno (poltrona): di medie dimensioni, è pratica per essere spostata in giro nei differenti ambienti della casa. Per esempio un tappeto, una coperta, un copridivano o copripoltrona ripiegato senza frange, un materassino;
  • Portatile per il giorno o gli spostamenti (sedia): di piccole dimensioni, per esempio un tappetino, un asciugamano di spugna, una copertina.
Leggi anche  Comportamenti che non piacciono al cane: eccone 5
Manuale di rieducazione comportamentale libro aldo la spina
La copertina del libro Manuale di rieducazione comportamentale cinofila di Aldo La Spina (Edizioni LSWR

Lo schema per dare al cane le regole del dormire e riposare

  • Togliere le attenzioni gratuite al cane per ridarle poi quando sarà in “cuccia”.
  • Disturbare il cane fisicamente, aiutandosi anche con oggetti, quando si sdraia fuori dalla “cuccia”: spostare sedie, aprire antine dei mobili, urtarlo. (Attenzione: è un elemento molto delicato, la guida del professionista è assolutamente indispensabile.)
  • È importante eseguire tutte le azioni con disinvoltura, senza mai guardare il cane, proprio come se non esistesse. Per esempio, come quando di notte si incespica al buio nel cane.
  • Mettere ostacoli e oggetti dove il cane si posizionava abitualmente: sotto il tavolo, sotto o sopra i letti, divani.
  • Chiudere l’accesso a quei locali dove il cane si può recare per dormire; farlo senza essere visti.
  • Togliere tutti i tappeti possibili per almeno 15 giorni. Se i pavimenti sono rivestiti di moquette, utilizzare per la “cuccia” una superficie differente (per esempio, copridivano o altro tessuto a lui noto).
  • Quando il cane va finalmente “a cuccia”, si deve premiare la risposta ma solo dopo qualche secondo. L’obiettivo è di riuscire a ricompensare l’azione di rimanere a cuccia, non quella di andarci.
  • Aumentare gradualmente gli intervalli di ricompensa, che devono poi diventare anche irregolari.
  • Utilizzare come ricompensa un bocconcino preso dalla sua razione alimentare giornaliera. Nel tempo sarà seguito anche da una breve carezza (con il significato di “Bravo” e non di “Ti voglio bene” ovvero un contatto non eccitante).
  • Evitare assolutamente di mandare o invitare il cane “a cuccia” e/o di rimproverarlo.

Avvertenze per la gestione generale

Per rieducare il cane al riposo è opportuno seguire, secondo Aldo La Spina, anche alcune avvertenze di carattere generale. Eccole di seguito:

  • non spostare la “cuccia” in presenza del cane;
  • lavarla solo il minimo indispensabile;non profumarla con deodoranti né lavarla con detersivi profumati;
  •  non posizionarla su superfici o in posizioni scivolose.
Leggi anche  Far salire il cane sul letto: giusto o sbagliato?

Aldo La Spina

Aldo La Spina, caposcuola degli educatori cinofili, inizia come soccorritore con il suo cane nella protezione civile; fa pratica degli approcci cinofili moderni e innovativi in Inghilterra e per primo, negli anni Ottanta, porta in Italia l’educazione gentile del cane, le medicine naturali, l’idroterapia in piscina e la riabilitazione per gli animali da compagnia. È stato, si legge dal sito del Centro Cinofilo Europeo di cui è presidente e direttore, il primo “istruttore di marciapiede”, aiutando concretamente i proprietari a risolvere i problemi nei rapporti con i propri cani. Ha insegnato nelle Università di Milano, Pisa, Torino (Veterinaria e Scienze della Formazione) e a professionisti come veterinari, toelettatori, addestratori, educatori cinofili, operatori di canile, dipendenti di enti pubblici, guardie zoofile, associazioni culturali e animaliste (fra cui ASL, ENPA, Lega del cane, Dog Angels). Conduce corsi per proprietari di cani e dirige una scuola di formazione per operatori ed educatori cinofili (“Pet format Net”).

Aldo La Spina
Aldo La Spina – Immagine Centro Cinofilo Europeo

Ha pubblicato, tra gli altri, nel 2011 il libro “Emozioni a sei zampe” (Terra Nuova Edizioni), nel 2012 “100 idee per giocare con il tuo cane“ (De Vecchi Editore), nel 2014 ”In forma con il cane”, (De Vecchi Editore) e nel 2014 l’ebook ”Ciao sono il tuo cane” (Area51 Publishing). Direttore della collana Quaderni operativi di cinofilia De Vecchi Editore), ha pubblicato nel 2016 “Come calmare il cane” e “Come fare il Dog Sitter“. Nel 2017 ha pubblicato “Il cane nella pratica veterinaria – Approccio educativo e gestione nell’ambulatorio”, (ed. Edra). Nel 2018 ha pubblicato “Manuale di educazione cinofila – le basi scientifiche, il servizio professionale, gli esercizi pratici per una migliore relazione con il cane“, (LSRW). Nel 2019 ha pubblicato “I segreti per la lunga vita del tuo cane” (De Vecchi Editore).

 

DISCLAIMER

Le informazioni esposte in vitadacani.info hanno uno scopo esclusivamente informativo, possono essere modificate oppure rimosse in qualsiasi momento, e, nel caso di informazioni di carattere veterinario o in ogni caso inerenti alla salute del cane, in nessun caso possono costituire e/o sostituire la formulazione di diagnosi e/o la prescrizione di trattamento medico veterinario. Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo andare a sostituire il rapporto diretto tra il veterinario e il padrone del cane o la visita veterinaria, anche specialistica. Si raccomanda di chiedere sempre il parere del proprio veterinario e/o quello dei medici veterinari specialisti in merito a qualsiasi indicazione riportata nel sito stesso. Per l’uso di medicinali o di qualsiasi prodotto o servizio indicati nel sito è assolutamente necessario e assolutamente indispensabile consultare il proprio veterinario. In nessun caso il sito, il Direttore, l’Editore che lo gestisce, gli autori degli articoli e/o dei contenuti, né altre soggetti in qualsiasi modo connessi al sito, saranno responsabili di qualsiasi eventuale danno anche solo ipoteticamente collegabile all’uso dei contenuti e/o di informazioni presenti sul sito. Il sito non si assume alcuna responsabilità in merito al cattivo uso che gli utenti o i visitatori del sito potrebbero fare delle indicazioni, dei prodotti, dei servizi riportati nel sito stesso. Non è in alcun modo possibile garantire l’assenza di errori e l’assoluta correttezza delle informazioni divulgate né che le informazioni o i dati risultino aggiornati. In qualità di affiliato Amazon, vitadacani.info può ricevere un modico compenso da Amazon, per gli eventuali acquisti idonei generati dai link presenti in questo articolo.

NEWS RECENTI

Torna in alto