fbpx
vita da cani info intestazione testata giornalistica interamente dedicata al cane

Allungare la vita del cane: si può? Un nuovo farmaco tra scienza, etica e speranza

LOY-001, un farmaco della Loyal, sembrerebbe promettere bene.
Allungare la vita al cane. loy-001 loyal
Image by prostooleh on Freepik

Allungare la vita del cane: si può? Un nuovo farmaco, tra scienza, etica e speranza. La vita di un cane non è mai troppo lunga. Il tempo che intercorre tra il suo essere cucciolo e il momento in cui arriva la vecchiaia è sempre e inevitabilmente troppo breve. In questo ambito, la ricerca scientifica sta cercando di offrire una speranza concreta: farmaci che, nei limiti del possibile, riescano ad allungare la vita del cane per un po’. È il caso, per esempio, dell’azienda biotecnologica Loyal, che nei giorni scorsi – si legge sul New York Times, ha annunciato il farmaco LOY-001, progettato proprio per allungare un po’ la vita dei cani.

Allungare la vita del cane: il farmaco LOY-001 di Loyal

Nei giorni scorsi, infatti, Loyal ha dichiarato di essere ormai vicina al proporre LOY-001 sul mercato. Il farmaco ha già soddisfatto un requisito necessari a ottenere l’approvazione condizionale, autorizzazione accelerata per farmaci veterinari che soddisfano nuove esigenze e richiedono test impegnativi. Sebbene il farmaco non sia ancora disponibile, la Loyal mira a ottenere l’approvazione condizionale nel 2026, aprendo così la strada per la commercializzazione del farmaco. “Ci proponiamo di donare ai cani almeno un anno di vita sana in più”, afferma Celine Halioua, fondatrice e CEO di Loyal.

DIVO: Il guinzaglio innovativo per cani

Le perplessità della FDA

Tuttavia, la realtà è che il farmaco non ha ancora dimostrato definitivamente di poter davvero prolungare la vita del cane. FDA ha comunicato alla Loyal, che i dati forniti sembrano indicare un’aspettativa di efficacia, ma c’è bisogno di approfondimenti. L’annuncio di Loyal arriva in un momento in cui altri farmaci che puntano ad allungare la vita del cane sono in fase di sviluppo. Un team di ricercatori sta sperimentando la rapamicina, che ha dimostrato di prolungare la vita nei topi da laboratorio. Loyal sta anche reclutando cani per uno studio clinico di un secondo candidato farmaco: LOY-002.

Leggi anche  Cane sulla neve: come proteggere il nostro amico a 4 zampe

Allungare la vita del cane: i quesiti di natura etica

La corsa alla longevità canina solleva domande etiche. I costi previsti per LOY-001 sono molto elevati e ciò desta interrogativi su chi potrà accedervi e se il costo sarà giustificato dai benefici. Kate Creevy, chief veterinary officer del Dog Aging Project, sottolinea l’importanza di garantire che gli eventuali anni di vita aggiunti siano di alta qualità. “Non voglio far vivere il mio cane due anni in cattiva salute,” afferma. Rebecca Walker della University of North Carolina solleva un altro quesito: è nell’interesse dei cani vivere di più assumendo farmaci che potrebbero comportare rischi?

Test MDR1: il test genetico che può salvare la vita al tuo cane

Il ruolo del fattore IGF-1

L’approccio di Loyal con LOY-001 è di modulare il percorso IGF-1, associato all’invecchiamento e alla longevità in molte specie. L’IGF-1 è il fattore di crescita insulinico-1 e, nei cani, è coinvolto nella regolazione della crescita e dello sviluppo. La sua attività può influenzare diversi processi biologici, compreso quello dell’invechiamento. Alcuni scienziati ipotizzano che livelli più alti di IGF-1 possano essere associati a una crescita più rapida e a un invecchiamento accelerato nei cani di taglia grande, che tendono ad avere una vita più breve rispetto a quelli di taglia più piccola. L’idea è che la modulazione di IGF-1 potrebbe avere impatti sulla longevità e sulla salute generale dei cani. È importante notare che le ricerche e gli studi su questo argomento sono ancora in corso, e la relazione tra IGF-1 e invecchiamento nei cani è un’area di indagine attiva e in costante evoluzione. Va inoltre ricordato che la dimostrazione che questo farmaco possa effettivamente allungare la vita del cane richiederà ampie e lunghe prove cliniche, le cui conclusioni potrebbero richiedere diversi anni.

Leggi anche  Rinfrescare il cane in estate: 5 modi efficaci

L’entusiasmo per questi sviluppi è comunque palpabile, ma resta una domanda in sospeso: “Cosa succede se funziona?” sottolinea Daniel Promislow, biogerontologo presso l’Università di Washington e co-direttore del Dog Aging Project. Le implicazioni etiche e sociali di farmaci che potrebbero effettivamente prolungare la vita dei cani sono profonde e sollevano interrogativi su come gestire la vita prolungata degli animali domestici.

In attesa di risposte, e di capire se davvero il farmaco potrà allungare la vita del cane, gli amanti dei cani possono compiere passi pratici per favorire un invecchiamento sano dei loro amici a quattro zampe. Mantenere il proprio cane in forma, fornire esercizio regolare e stimolazione mentale sono pratiche che, anche senza farmaci miracolosi, contribuiscono a garantire una vita lunga e soddisfacente per i nostri compagni a quattro zampe. In definitiva, mentre la scienza cerca di ritardare il dolore dell’addio, rimane chiaro che nessun farmaco può conferire l’immortalità ai nostri amici cani. “Nulla di ciò che stiamo sviluppando potrebbe far vivere un cane per sempre,” conclude Celine Halioua.

DISCLAIMER

Le informazioni esposte in vitadacani.info hanno uno scopo esclusivamente informativo, possono essere modificate oppure rimosse in qualsiasi momento, e, nel caso di informazioni di carattere veterinario o in ogni caso inerenti alla salute del cane, in nessun caso possono costituire e/o sostituire la formulazione di diagnosi e/o la prescrizione di trattamento medico veterinario. Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo andare a sostituire il rapporto diretto tra il veterinario e il padrone del cane o la visita veterinaria, anche specialistica. Si raccomanda di chiedere sempre il parere del proprio veterinario e/o quello dei medici veterinari specialisti in merito a qualsiasi indicazione riportata nel sito stesso. Per l’uso di medicinali o di qualsiasi prodotto o servizio indicati nel sito è assolutamente necessario e assolutamente indispensabile consultare il proprio veterinario. In nessun caso il sito, il Direttore, l’Editore che lo gestisce, gli autori degli articoli e/o dei contenuti, né altre soggetti in qualsiasi modo connessi al sito, saranno responsabili di qualsiasi eventuale danno anche solo ipoteticamente collegabile all’uso dei contenuti e/o di informazioni presenti sul sito. Il sito non si assume alcuna responsabilità in merito al cattivo uso che gli utenti o i visitatori del sito potrebbero fare delle indicazioni, dei prodotti, dei servizi riportati nel sito stesso. Non è in alcun modo possibile garantire l’assenza di errori e l’assoluta correttezza delle informazioni divulgate né che le informazioni o i dati risultino aggiornati. In qualità di affiliato Amazon, vitadacani.info può ricevere un modico compenso da Amazon, per gli eventuali acquisti idonei generati dai link presenti in questo articolo.

NEWS RECENTI

Torna in alto