Zecche: prevenzione e protezione per cane e uomo!

zeccamaschio
zecca maschio
zeccafemmina
zecca femmina

Le zecche possono costituire un pericolo non indifferente per il cane e per l’uomo. Perchè sono così pericolose? La zecca attraverso la sua puntura, può trasmettere al cane e a volte all’uomo gravi malattie infettive come: Ehrlichiosi, Babeliosi o Piroplasmosi, Anaplasmosi, Borreliosi o Malattia di Lyme.

Anche se il periodo più a rischio della diffusione delle zecche è la primavera e l’estate, il pericolo esiste oggi un po’ tutto l’anno per cui occorre fare molta attenzione alle zone verdi che si frequenta con il cane. Le zecche si possono trovare infatti non solo nei boschi o in campagna, ma anche nei parchi cittadini. Come possiamo controllare il nostro cane e come possiamo proteggere lui e noi stessi? La Intervet/Schering-Plough Animal Health, azienda leader mondiale nella ricerca, sviluppo e produzione di farmaci ad uso veterinario (tra i quali l’antiparassitario Exspot a base di permetrina), in relazione alla campagna di prevenzione contro le zecche, riporta i seguenti consigli:

COME CONTROLLARE IL CANE

  • Al rientro di ogni passeggiata controlla attentamente il tuo cane per evidenziare l’eventuale presenza di zecche.
  • Le zecche sul cane si localizzano di solito sul bordo delle orecchie e sul muso, intorno alla coda, sotto le ascelle, in corrispondenza della regione inguinale, tra le dita delle zampe.
  • Accarezza contropelo tutta la superficie cutanea del cane per rilevare eventuali protuberanze, segni della presenza di zecche.
  • Le zecche possono avere dimensioni differenti, si va da una lenticchia ad un grosso fagiolo.
  • Le zecche presenti sul cane stazionano generalmente per un periodo di 3-10 giorni, durante il quale si nutrono del sangue del cane. Durante questo periodo avviene il cosiddetto ‘rigurgito’, attraverso il quale avviene il passaggio dei germi responsabili della malattia.

COME PROTEGGERE IL CANE E NOI STESSI

  • Prima della stagione a rischio, da marzo a ottobre, applica al tuo cane un antiparassitario ad attività repellente specifico contro le zecche.
  • Indossa indumenti adeguati nei campi: stivali, pantaloni lunghi, possibilmente chiusi alla caviglia.
  • Dopo aver frequentato zone ‘a rischio’, è utile effettuare sia sull’uomo che sul cane un’attenza ispezione per individuare immediatamente la presenza di zecche.
  • Ricorda di segnalare sempre al tuo veterinario l’eventuale presenza di zecche, soprattutto nel caso in cui sorgano ‘sintomi strani’. I segni clinici delle malattie da zecche sono ‘aspecifici’ e spesso comuni a molte altre infezioni.

Infine, se ci accorgessimo che una zecca è rimasta attaccata alla cute del nostro amico a 4 zampe, come  rimuoverla correttamente?

  • E’ sempre buona norma indossare dei guanti di lattice.
  • Se trovi una zecca sul tuo cane, rimuovila subito. Il rischio di trasmissione di malattie si riduce se la zecca viene rimossa entro 24-48 ore.
  • Con l’aiuto di una pinzetta afferra la zecca nel punto di attacco più vicino possibile alla cute del cane, avendo cura di non schiacciarla. L’eccessiva pressione sulla zecca potrebbe favorire la trasmissione di germi. La tecnica migliore è quella di ruotare il corpo della zecca prima di staccarla. Dopo il distacco è importante accertarsi che non siano rimasti frammenti della zecca in sede cutanea.
  • Dopo aver rimosso la zecca è consigliabile pulire e disinfettare la cute del cane.
  • L’applicazione di etere, acetone, alcool, cenere o sostanze tipo petrolio o benzina nel punto di attacco della zecca, non solo è inutile ma anche dannosa in quanto tali manovre possono favorire il rigurgito della zecca e quindi la trasmissione dei germi.

Fonte: Intervet/Schering-Plough Animal Health